Rivalutazione scissione cessione partecipazioni

Massima. Risulta oramai pacifico che la sequenza negoziale che prevede la
rivalutazione delle partecipazioni, la successiva scissione societaria e quindi la
cessione delle partecipazioni della società beneficiaria o della scissa, non
presenta profili riconducibili all’abuso del diritto, ma rappresenta un’ipotesi di
legittimo risparmio d’imposta, anche in assenza di valide ragione economiche.
Nonostante talune perplessità adombrate dalla risoluzione n. 97/E/2017, è
possibile traslare il medesimo principio anche nell’ipotesi di scissione societaria
che abbia per oggetto singoli beni (partecipazioni societarie, immobili, marchi) a
cui segue il successivo trasferimento delle partecipazioni della società
destinataria di tali singoli beni.

Scarica tutto l’articolo

© Copyright 2023 | Deotto Lovecchio & Partners P.IVA 02947680357 | Tutti i diritti riservati | Privacy Policy
envelopecrossmenuchevron-down
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram