Contraddittorio preventivo: la mappa delle opzioni del contribuente.

Lo schema di provvedimento comunicato al contribuente ai fini del contraddittorio preventivo dovrà recare, oltre all’invito a formulare le osservazioni, anche quello alla presentazione dell’istanza per la definizione dell’accertamento con adesione, istanza che però risulta alternativa rispetto alle osservazioni. Sarà tuttavia sempre possibile, una volta formulate le osservazioni, in presenza di comune accordo tra le parti, passare alla fase dell’accertamento con adesione.

…Il testo del decreto legislativo attuativo dell’accertamento, all’esame del Consiglio dei Ministri di oggi, disegna un iter reso macchinoso dall’intrecciarsi del contraddittorio con l’accertamento con adesione….

…continua a leggere nell’articolo a firma di Dario Deotto e Luigi Lovecchio pubblicato il 24 Gennaio 2024 su Il Sole 24 Ore

accertamento unitario

L’obbligo di unicità dell’azione accertativa, introdotto con la riforma dello Statuto dei diritti del contribuente (articolo 9-bis, legge 212/2000), non impatta né sulla nozione di accertamenti parziali né sugli accertamenti integrativi. La modifica potrebbe però determinare l’illegittimità della prassi degli uffici di utilizzare lo strumento dell’autotutela in peius, per aggirare il divieto di frammentazione degli accertamenti.

…In base al nuovo articolo 9-bis dello Statuto, il contribuente ha diritto di essere accertato una sola volta, per ciascun anno e ogni imposta….

…continua a leggere nell’articolo a firma di Dario Deotto e Luigi Lovecchio pubblicato il 15 Gennaio 2024 su Il Sole 24 Ore

Vacilla il principio del legittimo risparmio d’imposta, dopo la risposta a interpello 456/2023. Nel quesito del contribuente venivano prospettate le seguenti operazioni: (1) scissione parziale proporzionale con attribuzione a una NewCo di un complesso immobiliare; (2) trasformazione agevolata in società semplice della Newco, con determinazione delle plusvalenze tassate all’8% sulla base del valore catastale; (3) successiva cessione a terzi del complesso immobiliare da parte della Newco, senza plusvalenze; (4) attribuzione dell’utile conseguito dalla NewCo ai soci a seguito della cessione e liquidazione della società semplice, senza il realizzarsi di alcun presupposto impositivo.

…Secondo l’Agenzia, si assisterebbe a un concatenarsi di scelte tutte di per sé legittime ma che, nel loro insieme…

…continua a leggere nell’articolo a firma di Dario Deotto e Luigi Lovecchio pubblicato l’11 Dicembre 2023 su Il Sole 24 Ore

Il 3 novembre, il Consiglio dei ministri ha emanato disposizioni in tema di accertamento, in attuazione della legge delega per la riforma fiscale, n. 111 del 2023. Tra le varie innovazioni, vengono introdotte metodiche di verifica supportate dall’Intelligenza Artificiale (IA). L’IA facilita i controlli fiscali e la lotta all’evasione, garantendo lo scambio di informazioni rispettando la privacy. L’IA rivestirà un ruolo sempre maggiore nell’amministrazione fiscale globale, ed è già utilizzata in Francia e negli Stati Uniti. Sebbene l’IA possa automatizzare attività e migliorare la produttività, l’attività del professionista rimarrà di cruciale importanza per interpretare leggi e fornire una consulenza personalizzata. Il futuro della professione fiscale sarà modellato dall’integrazione responsabile dell’IA.

Segnaliamo, su questi attualissimi temi, il post del nostro partner Antonio Lanotte sul blog Econopoly de Il Sole 24 Ore, in libera consultazione a questo link.

 

…leggi l’articolo a firma di Dario Deotto e Andrea Gaeta pubblicato il 24 aprile 2023 su Il fisco, n. 16 del 2023, pp. 1537 e seguenti

Il disegno di legge di riforma fiscale – ora alla Camera, Ac 1038 – si propone di (meglio) disciplinare l’intricato rapporto tra cumulo giuridico e recidiva. Ma – a dir la verità – la soluzione proposta sembra richiedere una messa a punto.

Oggi il cumulo giuridico è regolato dall’articolo 12 del Dlgs 472/1997. Il primo comma disciplina il concorso formale e materiale di violazioni. In particolare, il concorso materiale si verifica quando con più azioni o omissioni si commettono diverse violazioni …

Dal cambio di destinazione d’uso fino alla cessione tramite gli assegnatari. L’unico limite alla libertà di iniziativa è il divieto di ottenere vantaggi indebiti.

La legge di Bilancio per il 2023 ha riproposto la disciplina dell’assegnazione e della cessione dei beni ai soci nonché della trasformazione in società semplice agevolate. Temi su cui spesso vengono fatte aleggiare ipotesi di abuso del diritto.

Va ricordato preliminarmente il principio generale (comma 4, articolo 10-bis, legge 212/2000) in base al quale il contribuente può legittimamente perseguire un risparmio di imposta esercitando la propria libertà di iniziativa economica…

 

…continua a leggere nell’articolo a firma di Dario Deotto pubblicato il 24 Aprile 2023 su Il Sole 24 Ore

Non costituisce ipotesi di abuso del diritto l’acquisto di azioni proprie precedentemente rivalutate dagli azionisti cedenti. Acquisto di azioni proprie che non può essere riqualificato in recesso. Così si è espressa la Cgt di Udine con sentenza n. 32/2/2023 depositata il 6 marzo scorso (presidente Zoso, relatore Fabbro).

La vicenda nasce da un atto di accertamento nei confronti di una Spa, alla quale veniva contestata.

 

…continua a leggere nell’articolo a firma di Dario Deotto pubblicato il 3 Aprile 2023 su Il Sole 24 Ore

È disponibile sul sito di agenzia delle Entrate – Riscossione (Ader) l’applicativo che consente di effettuare la compilazione “guidata” della domanda di rottamazione quater, da trasmettersi, solo in via telematica, entro il 30 aprile. Lo segnala il comunicato stampa diramato giovedì 16 febbraio da Ader…

 

…I vantaggi

I vantaggi nel passaggio alla quater sarebbero plurimi. In primo luogo l’azzeramento di atggio e degli interessi per ritardata iscrizione al ruolo.

Inoltre, la possibilità di versare nei più ampi tempi della nuova dilazione (5 anni compreso l’anno in corso) e, come già segnalato prima, la facoltà di accedere ad una rateazione ordinaria in caso di decadenza dalla sanatoria…

 

…continua a leggere nell’articolo a firma di Luigi Lovecchio pubblicato il 16 Febbraio 2023 su Il Sole 24 Ore

© Copyright 2023 | Deotto Lovecchio & Partners P.IVA 02947680357 | Tutti i diritti riservati | Privacy Policy
envelopecrossmenuchevron-down
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram